Manuale dell’alchimista: dal progetto al prodotto

Ottimizzare i tempi morti

Oggi stavo aspettando un’importante chiamata da parte di un nuovo cliente ma, come si legge molto spesso sul web, non capita quasi mai che i clienti si ricordino di richiamare. Ad ogni modo, ho avuto un po’ più di tempo per ottimizzare alcune pagine di codice che stavo rimandando da un po’ di tempo e ho deciso quindi di rendere noto il mio modo di lavorare.

Il metodo alchemico-tecnologico

caawl

Quando do inizio ad un nuovo lavoro, ci sono diverse fasi che ogni volta affronto prima di “ritenermi soddisfatto”, proprio come un alchimista segue la ricetta delle proprie pozioni magiche:

  1. Analisi
  2. Progettazione
  3. Bozza
  4. Test
  5. Proposta
  6. Pubblicazione
  7. Manutenzione

All’inizio, quando ho realizzato i primi progetti (una decina di anni fa) non vedevo l’ora di far vedere al cliente la messa in opera del progetto che mi aveva chiesto. Questo mio entusiasmo era talmente travolgente che persino il cliente si riempiva di aspettative, potete immaginare che cosa succedeva non appena ci imbattevamo insieme in una schermata di errore dovuta a un bug che avevo sottovalutato?

Ecco, con il passare del tempo ho capito che questo tipo di approccio non solo era sbagliato, ma addirittura mi faceva perdere reputazione ad una velocità stratosferica. Fortunatamente la qualità del progetto finale riusciva facilmente a risollevare la delusione delle aspettative del cliente.

1 - Analisi

Questa fase è fondamentale, anche se è piuttosto noiosa per il cliente: ci incontriamo, ci confrontiamo e lui mi descrive grossomodo quello che vorrebbe realizzare. Ci sono perfino volte in cui il cliente non ha la più pallida idea di quello che realmente vuole (capita anche questo… sì), quindi ci vuole un po’ per aiutarlo a concretizzare il tutto.

Una volta che abbiamo fissato degli obiettivi fattibili (e non la creazione di Facebook da zero, per intenderci), saluto il cliente e passo alla fase successiva.

794250_science_512x512
256-256-95dc23eadefad17dc35f6d4da9e036c1

2 - Progettazione

Questa fase è quella che preferisco, analizzo attentamente tutte le informazioni che ho avuto nel primo colloquio e inizio a calcolare i tempi di realizzazione (con i relativi costi). Molti anni fa mi piacevano le sfide impossibili, mi cimentavo anche in progetti di cui non avevo la più pallida idea su come realizzarli. 

È vero che in quel modo ho appreso molti nuovi strumenti e tecniche che altrimenti mi sarebbero per sempre state estranee. La problematica alla fine non era la realizzazione, ma lo stress che accumulavo. 

A quel punto, per facilitarmi la vita ho iniziato a elaborare il mio metodo. In questo modo al cliente viene presentato il progetto non solo nei tempi previsti, ma molto spesso anche prima della scadenza pattuita.

3 - Bozza

Durante questa fase si mette mano al codice vero e proprio. La maggior parte delle volte mi affido a tutti quei pacchetti che ho sviluppato negli anni, di cui sono veramente sicuro del loro funzionamento e della sicurezza. 

Creo una bozza “grafica” (o mockup), qualche anno fa usavo carta e penna, adesso uso l’iPad. 

Digitalizzare anche gli schizzi è molto utile, soprattutto per l’archiviazione. Spesso capita che con un cliente si creino diverse bozze di un progetto, sia della grafica che della logica. 

A volte è capitato che, dopo una serie di modifiche, la richiesta finale del cliente fosse identica ad una delle bozze che avevo presentato all’inizio. Capite bene che avere uno storico dettagliato è fondamentale, per evitare di perdere ulteriore tempo nello sviluppo.

ruler
test

4 - Test

A questo punto inizio ad eseguire i test più disparati sul codice appena creato. A volte mi rendo conto che mi fingo addirittura il più grande degli stupidi o il peggiore dei malintenzionati pur di fare a pezzi quel codice (masochismo modalità: ON). 

Alla fine della fase si ottiene un codice funzionale, rapido e sicuro. Ovviamente sono pur sempre umano, può capitare la svista, ma seguendo questo metodo le casistiche sono estremamente rare.

5 - Proposta

A questo punto, dopo aver superato con successo le fasi precedenti, mi reco nuovamente dal cliente e gli mostro il lavoro “finito”, in genere caricato su un sito nascosto o in locale sul mio portatile. Ovviamente non capita mai che il progetto sia perfetto così come lo presento, il cliente è libero di aggiungere o rimuovere le funzionalità che non gli piacciono o che aveva dimenticato di accennarmi durante la fase di analisi iniziale. In quel caso, torno alla fase bozza e poi a quella di test, prima di tornare nuovamente dal cliente per la nuova proposta.

legal-2
51TxXo0RLgL

6 - Pubblicazione

Quando sia io che il cliente siamo giunti alla conclusione che il progetto è soddisfacente, si passa alla fase più interessante. Il prodotto viene pubblicato e io inizio ad analizzare i dati statistici dovuti all’utilizzo da parte dell’utente finale. 

Si applicano rapidamente i vari aggiustamenti, magari dovuti a eventuali comportamenti non previsti da parte degli utenti, o magari perché ci sono altre funzionalità che in corso d’opera il cliente ha considerato utili aggiungere.

7 - Manutenzione

Questa fase riguarda il costante monitoraggio di come sta andando il progetto. Ovviamente il cliente è il primo che si adopera nella valutazione dei risultati, ma la mia attenzione si concentra soprattutto sulle prestazioni. 

Spesso capita che, dopo la pubblicazione, nonostante la soddisfazione del cliente e dei suoi utenti, mi trovo a proporre ulteriori modifiche per rendere il prodotto più funzionale o anche solo più accattivante.

statistics-market-icon

Il duro lavoro dell'alchimista

Beh, dopo tutte queste chiacchiere vi ho spiegato rapidamente come funziona il mio metodo alchemico. Mi rendo conto che tutta la procedura sembra piuttosto lunga, e forse qualche anno fa lo era veramente, ma oramai è diventato un percorso talmente autonomo che mi stupisco io stesso della velocità raggiunta. 

La qualità dei prodotti che vengono sviluppati per il cliente deve avere la priorità assoluta.

La tua azienda ha bisogno di una web App o di un sito web?

Arkas potrebbe essere il partner giusto per realizzare qualcosa di innovativo e incredibilmente potente.
Contattaci e proponici la tua idea, faremo del nostro meglio per dare forma al tuo progetto di successo.