Il Teamwork è meraviglioso, ma…

Post del 9 Febbraio 2021 in Lavoro

Quando si lavora a più progetti in contemporanea, gestire il tempo è fondamentale.

Con il passare degli anni, lavorando sempre a più progetti, sì diventa abili nel pianificare step, task e date di consegna.

Ovviamente tutto questo vale, quando il cliente sa esattamente cosa vuole e quando tu sei l’unico che lavora sul progetto.

Ma cosa succede quando si lavora in team?

Quando i componenti che interagiscono con il progetto aumentano, è vero che diminuisce l’effort di ognuno, ma aumentano anche le complessità.

Ci sono alcuni fattori che vanno considerati, e trascurarli può portare a parecchie problematiche indesiderate.

1. Comunicazione

Forse la chiave di ogni cosa. Tutti i membri del team devono costantemente comunicare e organizzarsi sulle lavorazioni in corso.

Ci sono software interessanti, come Trello o Asana che ci aiutano a gestire progetti e task condividendone facilmente i progressi con collaboratori e colleghi.

Avere un quadro completo del progetto ad in ogni momento è un modo perfetto per non sprofondare nel caos.

2. Delineare le mansioni

Sembrerebbe scontato, ma decidere sin da subito chi farà cosa, ci aiuta a spianare la strada verso il completamento del progetto.

Quando nel team ci sono risorse con la stessa competenza, è fondamentale assegnare loro compiti complementari e mai concorrenziali. Si rischierebbe di perdere tempo invece di guadagnarne.

3. Leadership

In un team di sviluppo non c’è mai un capo ma un leader. Il leader è un individuo autorevole (e mai autoritario) che fa da riferimento a tutti gli altri. Il suo compito è quello di tenere sotto controllo il quadro generale, aiutare i componenti a completare i task assegnati e limitare al minimo le situazioni di stress di tutto il team.

In genere il leader è il componente con più esperienza e con doti organizzative più spiccate. In caso di problemi, deve avere l’abilità di pianificare rapidamente i task per realizzare un’eventuale soluzione.

Non tutti sono portati per il lavoro di squadra

Mi capita spesso di lavorare con professionisti veramente abili e veloci su lavori individuali, ma non è sempre detto che siano altrettanto abili nelle collaborazioni.

Saper interagire, organizzarsi e comunicare con altri professionisti, non è un concetto scontato. Ci sono sempre alcuni limiti, il primo è ovviamente quello di rispettare le scadenze.

Se il lavoro di un collaboratore dipende dal nostro completamento di un task, indirettamente ci troviamo a dettare anche le sue tempistiche.

Entra quindi in gioco il concetto di rispetto, che è un qualcosa di estremamente delicato quando si lavora in team.

Se non c’è rispetto, o se non si riesce a raggiungere un certo feeling a livello di collaborazione, alle volte è perfino sconsigliabile questo tipo di rapporto lavorativo.

Collaborativi si nasce?

Dalla mia esperienza, non è necessario nascere “collaborativi”. Il teamwork è un’abilità che si apprende con il tempo.

Bisogna imparare a fidarsi dei propri collaboratori, non sovraccaricarli di lavoro e bilanciare bene le tempistiche delle attività che si fanno insieme.

Una volta rispettati questi semplici concetti, è solamente questione di pratica.

L'Alchimista tecnologico

Mi chiamo Cristian, sono l’autore di questo blog e realizzo software e siti web da più di 10 anni.

Creazione sito web

Hai bisogno di un sito web? Dai un'occhiata alle soluzioni che abbiamo sviluppate sino ad ora.

Creazione software

Le soluzioni che abbiamo sviluppato rispettano sempre standard di qualità e prestazioni elevati.